Calcio Napoli: chi sono i giocatori più impiegati per minutaggio

La deludente stagione del Napoli sta volgendo al termine, mancano solo due partite e l’obiettivo è ormai solo quello della qualificazione in Conference League. Ecco chi sono i calciatori più impiegati dai diversi allenatori che si sono susseguiti sulla panchina del Napoli nella stagione 2023-24.

Una stagione più di bassi che di alti quella del Napoli dopo la vittoria dello Scudetto storico dello scorso anno. La rosa era puù o meno la stessa. L’unica assenza d’eccezione è stata quella di Kim, un’assenza che però è pesata molto nelle economie della difesa e della squadra intera. Altro aspetto fondamentale della caduta libera del Napoli però è anche il minutaggio ridotto di alcuni calciatori, su tutti Victor Osimhen. Questa la top 10 dei calciatori più impiegati, per minutaggio, della stagione del Napoli 2023-24.

Top 10 calciatori più impiegati: dalla 10 alla 6

10) Zielinski – 1939

Il centrocampista del Napoli a giugno resterà senza contratto e sarà libero di accasarsi all’Inter. Il suo ciclo al Napoli è ormai finito ed è evidente. Nonostante questo però gli allenatori che si sono avvicendati sulla panchina azzurra lo hanno sempre schierato e per questo si trova comunque in questa speciale classifica. Un giocatore del suo calibro, anche se il rendimento è calato rispetto agli altri anni, non può restare fuori. Fa da raccordo tra centrocampo e attacco con inserimenti fulminei e con grande tecnica. Oltre a questo è mancato un vero sostituto. Cajuste infatti non si è mostrato minimamente all’altezza e lo stesso vale per Traorè (da gennaio).

9) Osimhen – 1965

Il minutaggio di Victor Osimhen si è ampiamente ridotto rispetto alla passata stagione dove giocava praticamente sempre. Quest’anno però tra infortuni e Coppa d’Africa, il centravanti nigeriano non è riuscito a dare il giusto apporto ai suoi compagni di squadra. La sua avventura al Napoli, così come per Zielisnki, sembra essere finita. Bisogna solo capire dove deciderà di andare a giocare. La situazione extracampo e cioè di calciomercato lo ha distratto ampiamnete dal campionato dove sembra solo un lontano cugino dell’Osimhen della scorsa stagione.

8) Juan Jesus – 2028

Il centrale di difesa brasiliano quest’anno è stato tutto croce e 0 delizia. Tantissimi gli errori individiuali che sono costati cari al Napoli come quello di Cagliari all’ultimo minuti. Protagonista anche dello spaicevole episodio di razzismo nel caso Acerbi non è riuscito ad imporsi come avrebbe voluto lui e la società. Partito certamente indietro nelle gerarchie è stato comunque capace di farsi spazio, complice la poca affidabilità del giovane Natan. Juan Jesus però, nonostante gli errori è stato schierato con grande conitnuità sia da Garcia che da Mazzarri e Calzona.

7) Politano – 2265

Uno dei meno peggiori di questa stagione. La sua spinta sull’out di destra è costante ad ogni partita. Il suo rendimento è calato rispetto allo scorso anno ma con minore scarto rispetto ai propri compagni di reparto. Le sirene arabe non lo hanno scalfito, vuole giocare con la maglia azzurra a meno che di clamorosi stravolgimenti di fronte. Uno dei fedelissimi di Partenope.

6) Rrahmani – 2513

Il perno di difesa. L’unico in grado di poter giocare ad altissimi livelli come una squadra che ha appena vinto lo Scudetto. Anche lui però, nonostante le buone prestazioni è inevitabilmente calato rispetto all’anno scorso. Il suo rendimento meno proficuo però è dovuto ad un fattore in particolare, ad una caratteristica di cui non è in possesso, la leadership. Negli anni ha affiancato prima Koulibaly e poi Kim, erano sempre gli altri i leader di difesa. Quest’anno è toccato a lui e non è riuscito a stare al passo.

5 e 4 posizione

5) Kvaratskhelia – 2756

Il georgiano è sempre il jolly del Napoli ed uno dei migliori calciatori di tutta la Serie A. Se però l’anno scorso rappresentava una novità, quest’anno, come spesso accade in Italia al secondo anno per uno straniero, i difensori avversari hanno imparato a conoscerlo ed ha iniziato ad avere maggiori difficoltà. Il suo impegno però è costante ed il Napoli non può giocare senza di lui. Assoluto protagonista.

Credits SSC Napoli

4) Meret – 2594

con solo una manciata di minuti in più rispetto a Kvara si posiziona al 4 posto di questa speciale classifica. Così come per Juan Jesus però è inspiegabile dato che gli errori sono stati davvero troppi. Meret è stato capace di errori che non si vedevano da tempo. Errori che hanno portato al Napoli ad offrigli un solo anno di rinnovo contrattuale. L’anno prossimo la concorrenza sarà tanta e forse è il caso di un cambio di titolarità.

La top 3

3) Zambo Anguissa – 2612

Assente solo per il periodo della coppa d’Africa, Anguissa è il fulcro della mediana napoletana. Recuperapalloni estenuante.

2) Lobotka – 3115

Anche se è al secondo posto di questa speciale classifica in realtà Lobotka non ha mai saltato una partita ed è l’unico della rosa. Sono 36 le partite giocate in campionato.

1) Di Lorenzo – 3150

Con 3150 minuti in 35 partite giocate è il più impiegato della stagione. Il suo rendimento però, come per tutta la difesa, è calato drasticamente. Poco apporto offensivo e poco supporto difensivo. Da rivedere.

Previous post Verso Fiorentina-Napoli: ecco le probabili formazioni dello scontro diretto
Next post Stelle e meteore del Napoli: che fine ha fatto Edu Vargas

Articoli correlati

Lascia un commento