Verso Fiorentina-Napoli: ecco le probabili formazioni dello scontro diretto

Questa sera alle 20:45 allo Stadio Artemio Franchi di Firenze, si sfideranno Fiorentina-Napoli. Un match delicato ma dal sapore europeo, anche se per l’Europa che non si aspettavano gli azzurri. Al momento la Viola ha due punti in più ed una partita in meno rispetto agli azzurri e per questo si tratta di un vero e proprio scontro diretto dove il Napoli è chiamato a vincere e sperare in risultati negativi delle prossime due gare della Fiorentina.

La Fiorentina ha una partita in meno, da recuperare il match contro l’Atalanta il prossimo 2 giugno. Tante le polemiche sulla scelta di un recupero così tardivo che sarà inevitabilmente influenzato dal prosieguo del campionato. Non c’erano però altre soluzioni dato che entrambe le compagini sono ancora impegnate, fortunatamente per il ranking italiano, nelle rispettive competizioni. La Fiorentina infatti giocherà la finale di Conference League contro l’Olympiakos mentre l’Atalanta la finale di Europa League contro il Bayer Leverkusen. La qualificazione alle prossime competizioni europee, oltre che dalla eventuale vittoria nelle finali, passa inevitabilmente dal campionato. Guardando la classifica sono infatti Fiorentina e Napoli a contendersi l’8 posto, quello che vuol dire Conference League.

Bene per il Napoli che la Fiorentina abbia la testa alla finale, potrà sfruttare il fattore psicologico e la pressione che pende sui giocatori viola che dopo il fallimento in finale dello scorso anno vogliono riportare in Italia il trofeo. Il Napoli però non potrà contare su Victor Osimhen, neanche convocato per un affaticamento muscolare. Calzona quindi schiererà dal primo minuto Jack Raspadori provando a sfruttare il suo inserimento tra le linee senza dare punti di riferimento. Confermati invece Politano e Kvaratskhelia.

La probabile formazione del Napoli

Il Napoli di Calzona, come già preannunciato, sarà orfano di Osimhen che quest’anno ha regalato più dolori che gioie. Al suo posto dovrebbe giocare Raspadori anche se fino all’ultimo sarà in ballottaggio con Simeone. Due centravanti molto diversi tra loro che nonostante tutto non possono are molto peggio di uno svogliato Osimhen. Simeone potrebbe anche essere inserito a gar in corso nel caso in cui Calzona voglia puntare di più sulla profondità e sul lancio lungo rispetto alla manovra. Da tenere in considerazione infatti che manca anche Zielinski, punto di raccordo tra centrocampo ed attacco. Al suo posto ancora una volta Cajuste che però non ha le stesse caratteristiche. Lui come Anguissa è un mediano più di rottura che di inserimento e quindi in un gioco del genere potrebbe servire effettivamente uno come El Cholito.

Verso Cagliari-Napoli: Calzona vuole debuttare in A con una vittoria, titolari Osimhen e Piotr
Foto di Goal.com

Calzona però sembra voler puntare su un Raspadori comunque in salute e che possa scambiarsi di posizione con i due esterni non lasciando punti di riferimento. Un aspetto importante dato che la Fiorentina di Italiano è una squadra molto offensiva e prende spesso gol in contropiede. Avere 3 giocatori così rapidi potrebbe rappresentare un vantaggio. In difesa ancora assente Mario Rui e quindi titolare Olivera, dall’altro lato invece Giovanni Di Lorenzo mentre come coppia centrale Juan Jesus e Rrahmani.

Probabile formazione Napoli: Meret; Di Lorenzo, Juan Jesus, Rrahmani, Olivera; Zambo Anguissa, Lobotka, Cajuste; Politano, Raspadori, Kvaratskhelia.

Fiorentina-Napoli: la formazione di casa

La squadra di Italiano si presenterà con il consueto 4 2 3 1 con Belotti come terminale offensivo. Il re di coppa, Nzola, partirà solo dalla panchina. In dubbio invece sia Milenkovic, in ballottaggio con Ranieri, sia Bonaventura. I dubbi di Italiano sono basati sul far riposare i due giocatori dopo i tanti impegni ravvicinati. L’eventuale assenza di Bonaventura sarebbe importante per il Napoli. L’ex Milan e Atalanta è infatti una vera e propria spina nel fianco per tutti gli avversari, in qualsiasi ruolo egli giochi.

Fiorentina-Napoli, la probabile formazione Viola: Terracciano; Dodò, Milenkovic, Martinez Quarta, Biraghi; Bonaventura, Arthur Melo; Nico Gonzales, Beltran, Kouamè; Belotti

La supersfida della settimana

Questa settimana abbiamo scelto due esterni offensivi tra i migliori del campionato di Serie A. Per caratteristiche tecniche non abbiamo preso in considerazione Kvara bensì Politano contro Nico Gonzales. L’argentino gioca un calcio infatti molto simile all’esterno partenopeo. Politano dal canto suo è molto più esperto, sa aspettare i compagni e gioca per la squadra, Nico invece è più solitario ma ha grande grinta e carisma. Due esterni che stanno disputando da anni campionati ad alti livelli.

Entrambi sono mancini ma Politano predilige giocare sulla fascia destra per poi rientrare e provare il tiro mentre Nico preferisce agire sulla sinistra per servire i compagni. Una grande differenza tra i due però à la pressione in area di rigore. Nonostante infatti entrambi siano di statura non elevata, il giocatore della Viola si esprime molto bene con i colpi di testa facendo del movimento a smarcare la sua arma migliore. Politano invece preferisce battere punizioni e calci d’angolo anzichè aspettare un improbabile pallone in area di rigore. Vedremo stasera chi di loro due si aggiudicherà questa supersfida.

Dove vedere la partita in Tv

La partita Fiorentina-Napoli sarà trasmessa in esclusiva su DAZN.

Previous post Verso Napoli-Bologna, Kvaratskhelia torna titolare: le probabili formazioni
Next post Calcio Napoli: chi sono i giocatori più impiegati per minutaggio

Articoli correlati

Lascia un commento