Verso Napoli-Lecce, la probabile formazione per agguantare la Conference: out Osimhen

Domenica alle ore 18 si giocherà Napoli-Lecce allo Stadio Diego Armando Maradona di Napoli. Una partita delicata perchè il Napoli potrebbe ancora, incredibilmente, agguantare in extremis un’insperata qualificazione in Conference League contro un Lecce già salvo.

Il Napoli, contro ogni pronostico, potrebbe ancora guadagnarsi un posto in Conference League. Questo potrebbe avvenire solo però nel caso in cui la Fiorentina dovesse riuscire a vincere l’edizione della terza competizione europea nella finale contro l’Olympiacos e contemporaneamente gli azzurri dovessero superare il Torino piazzandosi all’8 posto di questa sciagurata stagione di Serie A. Il Napoli sulla carta ha tutti i favori del pronostico. Giocherà contro un Lecce ormai salvo con quota 37 punti (in passato ne servivano 40) che ne approfitterà per dare spazio a chi ha giocato di meno quest’anno. Il Napoli però in realtà i conti non dovrà farli con il Lecce bensì con se stesso. Se le cose fino a questo momento sono andate male le colpe non sono da attribuire ai meriti avversari o magari sviste arbitrali e quanto altro. La colpa del Napoli di quest’anno sono gli stessi giocatori azzurri che dalla prima di campionato sono apparsi svogliati, forse appagati dallo storico terzo Scudetto dello scorso anno.

Sarà anche l’ultima gara di mister Calzona. Lui, come i suoi due predecessori Garcia e Mazzarri, non è riuscito a ricalibrare la rosa partenopea e lascerà a fine campionato. Tralasciando il solito totoallenatore (magari arrivasse Conte!) mister Calzona vuole chiudere in bellezza la sua avventura in Serie A. Oltre a questo motivo c’è ovviamente quello della possibile qualificazione in Conference League, un obiettivo che ad inizio stagione non esisteva proprio, il Napoli avrebbe dovuto puntare alla conferma dello Scudetto, quanto meno a provarci e una tranquilla qualificazione in Champions League. L’eventuale vittoria con il Lecce però potrebbe non bastare. Per qualificarsi alla prossima edizione della Conference il Torino dovrà perdere o pareggiare in casa dell’Atalanta. Un’Atalanta che viaggia sulle ali dell’entusiasmo dopo la vittoria storica in Europa League ma che proprio per questo motivo potrebbe anche essere appagata e lascerà spazio sicuramente a tante seconde linee.

La supersfida della settimana

Per quest’ultima giornata di campionato abbiamo selezionato due difensori centrali. Da una parte Rrahmani che dovrebbe partire dal primo minuto. Difensore roccioso, arcigno ma a tratti troppo irruento. Dall’altra invece Federico Baschirotto che non è riuscito a giocare sui livelli dello scorso anno ma che comunque ha garantito buona solidità al pacco arretrato salentino. I due difensori sono entrambi molto fisici e con la spiccata propensione a tuffarsi in attacco sui calci piazzati. Domenica vedremo chi la spunterà tra i due.

Probabili formazioni Napoli

Il Napoli di Calzona, per quest’ultima di campionato, giocherà con la squadra titolare. Probabile però il forfait di Osimhen che non è al meglio. Se il nigeriano non dovesse farcela allora spazio a Jack Raspadori che con la sua rapidità potrebbe mettere in grande difficoltà lo stesso Baschirotto, più adatto ad una marcatura a uomo su un centravanti fisico. Per Osimhen potrebbero esserci speranze per i minuti finali. Discorso analogo anche per il centrocampista polacco Piotr Zielinski che in settimana ha compiuto 30 anni. Il centrocampista che lascerà il Napoli a fine stagione in scadenza di contratto, è alle prese con un affaticamento muscolare. Calzone proverà a portarlo in panchina per farlo entrare, se possibile, nei minuti finali di gara per fargli salutare il Maradona. I tifosi infatti hanno sempre apprezato la lealtà, la correttezza ed il talento del polacco.

Verso Cagliari-Napoli: Calzona vuole debuttare in A con una vittoria, titolari Osimhen e Piotr
Foto di Goal.com

Al posto di Zielinski giocherà Cajuste che proverà a convincere il Napoli a puntare ancora su di lui il prossimo anno come titolare, come sostituto principale di Zielinski. Ipotesi alquanto remota date le prestazioni dell’intera stagione. Alle brutte partite di Cajuste si aggiunge anche un record cartellini gialli. Zielinski comunque non è l’unico, insieme a Calzona a lasciar eil Napoli a fine anno. Clicca qui per la lista completa dei giocatori in scadenza.

La probabile formazione degli azzurri: Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Ostigard, Olivera; Zambo Anguissa, Lobotka, Cajuste; Kvaratskhelia, Raspadori; Politano.

Postilla Di Lorenzo. Proprio in queste ore il capitano del Napoli Giovanni Di Lorenzo, al termine di una stagione decisamente sottotono, avrebbe dichiarato di lasciare la maglia partenopea a fine stagione essendo arrivato alla fine del ciclo. Staremo a vedere gli sviluppi di una sessione di calciomercato che si preannuncia molto ma molto calda.

Napoli-Lecce: la probabile formazione degli ospiti

Il Lecce schiererà in campo contro il Napoli alcuni dei suoi fedelissimi ma lascerà spazio anche a chi ha giocato di meno quest’anno. La situazione di classifica è ben salda e non ha più nulla da chiedere a questo campionato. I salentini quindi potranno scendere in campo con la testa libera e giocare per il gusto del divertimento.

Ecco la possibile formazione: Brancolini; Venuti, Pongracic, Baschirtto, Gallo; Berisha, Ramadani; Almqvist, Oudin, Dorgu; Piccoli.

Dove vedere Napoli-Lecce in tv

Il match del Maradona Napoli-Lecce di domenica alle ore 18:00 sarà trasmesso in esclusiva su DAZN.

Previous post I più cattivi del Napoli: chi sono i calciatori con il maggior numero di cartellini
Dopo la pubblicazione online della foto della cena del nostro Presidente con Antonio Conte al Ristorante "Rinaldi al Quirinale" a Roma non ci sono più dubbi su chi sia il Nuovo Allenatore del Napoli per la Stagione 2024/2025
Next post Conte ed il Napoli, arriva l’ufficialità

Articoli correlati

Lascia un commento