Verso Cagliari-Napoli: Calzona vuole debuttare in A con una vittoria, titolari Osimhen e Piotr

Verso Cagliari-Napoli: Calzona vuole debuttare in A con una vittoria, titolari Osimhen e Piotr
Foto di Goal.com

Alle 15 giocheranno Cagliari-Napoli che si sfideranno in un match molto delicato.

I sardi solo alla ricerca di punti salvezza mentre il Napoli, con il nuovo allenatore, proverà a restare in corsa Champions League.

C’è la concreta possibilità che quest’anno possano andare 5 squadre nell’Europa che conta. Un’occasione da non perdere.

Dopo il buon debutto casalingo in Champions League contro il Barcellona terminato per 1-1 grazie alla rete di Victor Osimhen, il Napoli di Calzona cerca la vittoria esterna, che manca da 3 mesi, quando, alla prima di Mazzarri, i partenopei vinsero in casa dell’Atalanta (1-2 con Kvaratskhelia ed Elmas). Oggi il Napoli proverà a sfondare il muro sardo e lo farà, finalmente, ristabilendo l’attacco titolare con il georgiano e Politano a supporto del centravanti nigeriano. Sarà proprio su di lui che punterà Calzona. Osimhen infatti, con la sua rapidità potrà e dovrà mettere in difficoltà i centrali di Ranieri, molto fisici ma poco rapidi. Calzona punta molto anche su Piotr Zielinski, il grande assente in Champions League (tenuto fuori dalla lista europea per scelta della società). Il polacco, tra tutti i centrocampisti in rosa, è quello più adatto a fare le due fasi. Il suo apporto alla manovra offensiva è indispensabile per creare superiorità numerica. In settimana, il neo tecnico ha lavorato molto sui suoi movimenti.

Cagliari-Napoli non sarà una partita come le altre. Per Calzona si tratta di un debutto assoluto, quello in Serie A. Dopo anni trascorsi in categorie minori e come vice (proprio al Napoli e a Cagliari), è arrivata la sua grande occasione. Occasione che si è meritato anche grazie alle ottime prestazioni della sua Slovacchia con cui è riuscito a strappare il pass per Euro 2024. Il suo modo di giocare con la nazionale slovacca, il 433, è congeniale a questo Napoli e per questo si proseguirà su questa scia. Soprattutto considerato che il fulcro del gioco, il regista Lobotka, è titolare inamovibile anche nella nazionale di Calzona. Questo debutto quindi significa molto per Calzona, sedutosi sulla panchina del Napoli come traghettatore, ha il dovere morale di provare a convincere De Laurentiis ad essere confermato il prossimo anno a suon di risultati.

La probabile formazione del Napoli

Calzona non potrà contare sul proprio capitano. Giovanni Di Lorenzo è infatti squalificato. Al suo posto giocherà Mazzocchi. L’ex Salernitana risulta quindi essere un vero e proprio jolly che può giocare su entrambe le fasce e può giocare sia nella difesa a 4 e sia nel centrocampo a 5. Il giocatore napoletano, dopo un inizio disastroso (espulso dopo 4 minuti dal suo ingresso) è riuscito a guadagnarsi la fiducia dei compagni di squadra e dello staff a suon di prestazioni. Ha una buonissima tecnica di base ma soprattutto tanta corsa e uno spirito da vero combattente. Con Mazzocchi a destra quindi spazio, di nuovo, a Mario Rui sulla sinistra. La coppia centrale sarà formata invece da Rrahmani e Natan. Alle loro spalle confermato Meret.

Verso Cagliari-Napoli: Calzona vuole debuttare in A con una vittoria, titolari Osimhen e Piotr
Foto di Campania in gol

La linea di centrocampo invece vede Zielinski agire come interno sinistro. Calzona proverà a rifomulare quella catena che tanto ha funzionato lo scorso anno e cioè Mario Rui, Zielinski e Kvaratskhelia. Il polacco potrebbe essere anche insidiato dalla presenza di Traorè che ha disputato un’ottima partita contro il Barcellona ma la sensazione è quella che possa solo subentrare lasciando spazio a Zielinski e quindi ad uno stile di gioco più conosciuto all’11 titolare. In regia ovviamente c’è lo slovacco Lobotka e sulla destra invece agirà Zambo Anguissa, in netta ripresa rispetto all’inizio del campionato. Per quanto riguarda l’attacco, Kvaratskhelia e Politano agiranno a supporto di Osimhen. Non convocato Ngonge per un piccolo risentimento muscolare.

Probabile formazione Napoli: Meret; Mazzocchi, Rrahmani, Natan, Mario Rui; Anguissa, Lobotka, Zielinski; Politano, Osimhen, Kvaratskhelia

Cagliari-Napoli: la probabile formazione di casa

Tra le fila del Cagliari, uno dei giocatori più temuti è proprio un ex Napoli. Gianluca Gaetano ha fatto benissimo nelle prime uscite con i sardi. Suo il gol capolavoro contro la Lazio, dove sfiorò anche la doppietta con un secondo eurogol. Gaetano e Luvumbo agiranno a supporto di Gianluca Lapadula. Solo panchina per Pavoletti che però quest’anno è molto temuto nei minuti finali di gara. Liì gli azzurri dovranno testare la loro applicazione difensiva.

A centrocampo più Jankto che Deiola. Con lui Nandez e Makoumbou. In difesa partirà titolare l’ex Barcellona e Fiorentina Mina al fianco di Dossena, sugli esterni Augello e Zappa. In porta invece Scuffet.

Probabile formazione Cagliari: Scuffet; Zappa, Dossena, Mina, Augello; Nandez, Makoumbou, Jankto; Gaetano; Luvumbo, Lapadula.

Dove vedere la partita in TV

Cagliari-Napoli sarà visibile, alle ore 15:00 in esclusiva Dazn. Un match assolutamente da non perdere dove entrambe le compagini giocheranno per i 3 punti. Il Napoli si trova attualmente in 9 posizione a 12 punti dal Bologna 4 ma con due partite in più da giocare. Inoltre le squadre in Champions potrebbero diventare 5 per la Serie A e allora ecco che le speranze si riaccendono. Speranze che passano inevitabilment per un solo nome, quello di Calzona.

Per il Cagliari discorso diverso. Ranieri lotta per la salvezza. Al momento è 19 in classifica ma ad un solo punto dal Sassuolo in zona salvezza. Nelle parti base la classifica è molto corta e fare punti oggi risolleverebbe non solo i punti in classifica ma anche il morale (il Cagliari non vince dal 14 gennaio, 2-1 contro il Bologna).

Foto di Goal.com
Previous post La rivoluzione Napoli riparte da Cagliari: Calzona verso i primi cambiamenti per tentare l’assalto al quarto posto
Il Tifoso Disgustato, Cagliari Napoli 1-1
Foto di Goal.com
Next post Il Tifoso Disgustato: Cagliari Napoli 1-1, un pareggio “meritato”

Articoli correlati

Lascia un commento