Il Barcellona su Lobotka, la premier chiama Kvara e Osimhen: quale sarà la strategia del Napoli?

Dopo i complimenti di Xavi a ridosso della gara di Champions, il Barcellona conferma il forte interesse per Lobotka tra i gioielli che il Napoli potrebbe perdere nel mercato estivo.

Sirene dalla Premier anche per Kvaratkshelia e Osimhen, oltre Zielinski già separato in casa e numerosi giocatori partenopei alla ricerca di maggior minutaggio.

Il Napoli sta vivendo una stagione alquanto travagliata e altalenante ma nonostante ciò i suoi gioielli sono sempre pezzi molto ambiti per il calciomercato internazionale. I campioni d’Italia in carica sono attenzionati ormai da anni dai top club di tutta Europa e dopo un’annata molto difficile, la corte di numerose squadre molto ambiziose potrebbe avere la meglio su un’altra annata in azzurro. Tra i calciatori maggiormente ambiti c’è Stanislav Lobotka, motorino, geometra e cuore del centrocampo partenopeo che già nella gara disputata in Champions contro il Barcellona ha raccolto tantissimi consensi e complimenti da parte dei protagonisti blaugrana. Non potrebbe essere altrimenti per la sua immensa importanza in campo: detta i tempi e l’ordine della manovra, pressa gli avversari ma con qualità, dispensa numerosi passaggi filtranti ed ha una visione di gioco veloce e moderna.

Nella sfida di Champions contro gli azzurri, in conferenza stampa alla vigilia Xavi aveva parlato proprio di lui: “Se potessi sottrarre un unico calciatore al Napoli sarebbe assolutamente Lobotka, è fenomenale e farebbe comodo a tutti i top club del calcio europeo., sarebbe già pronto”. Una prospettiva che al momento non sembrava troppo concreta ma proprio oggi sono giunte le dichiarazioni del presidente del Barcellona Laporta che conferma ciò che aveva dichiarato con fermezza il tecnico blaugrana: “Ho parlato di Lobotka anche con il nostro direttore sportivo e saremmo disposti a prenderlo per la sua immensa bravura ma prima dobbiamo valutare alcune cose”, ha dichiarato ai microfoni di Mundo Deportivo, mandando in ansia i tifosi del Napoli che non vogliono accettare l’eventualità di perdere anche il forte centrocampista nel prossimo mercato estivo che si preannuncia già essere rivoluzionario.

Lobotka e il Napoli, una lunga storia d’amore fatta di numerosi alti e bassi fino alla consacrazione con Spalletti, diventando titolare inamovibile nell’anno dello scudetto.

La storia d’amore tra Lobotka e il Napoli parte da lontano e non è sempre stata rose e fiori: in azzurro dal 2020 per soli 20 milioni di euro più bonus, comincia il suo cammino all’ombra del Vesuvio in salita, poco considerato come titolarissimo. Grazie a un percorso profondo di fiducia in se stesso aiutato in particolar modo da mister Spalletti tornando in forma e lavorando sulle sue grandi peculiarità, si lascia alle spalle le difficoltà incontrate diventando un vero e proprio fuoriclasse. Dalla tecnica sopraffina, ha una visione tattica e di gioco moderna, ragionando a centrocampo, smistando tutti i palloni e innescando gli avanti partenopei. Ma non solo: pressa, costruisce, gestisce i compagni ed è un vero e proprio leader. Ha fatto le fortune nello scorso anno, quello dello storico scudetto, non posando più la sua casacca da titolare, non rifiatando praticamente quasi mai.

Credits SSC NAPOLI

Quasi scontato pensare che i top club d’Europa lo vogliano in forza alle proprie rose e nonostante abbia trovato a Napoli la sua dimensione naturale, è davvero difficile poter dire no a proposte importanti sia per la propria carriera che economiche. Il suo ingaggio in azzurro si aggira intorno ai 2 milioni di euro a stagione, in scadenza nel giugno 2027 e a cifre record potrebbe esser ancor più facile convincerlo, soprattutto quando si tratta di una squadra blasonata e affascinante come il Barcellona che per la prossima stagione cambierà sì guida tecnica ma che sta facendo le cose in grande con una cantera sempre più forte e talentuosa, il progetto nuovo Camp Nou che rilancia ancora di più il club in tutto il mondo e le grandissime prospettive europee. Non sarà facile trattenerlo e molto dipenderà anche dalla sua volontà, certi che quella blaugrana non sia l’unica offerta giunta a De Laurentiis.

Non solo il forte centrocampista è nel mirino dei top club d’Europa: sirene dalla Premier per Kvara e Osimhen, grandi offerte per Zielinski e valigie pronte anche per Simeone.

Il futuro del forte centrocampista non è l’unico che tiene banco in questi ultimi mesi di un campionato da terminare assolutamente con un piazzamento europeo per il Napoli. Il mediano polacco Piotr Zielinski è ormai da tempo separato in casa con il Napoli ed anche egli riceve continue proposte sia dai club d’Europa che dalla blasonata Inter che sembra la soluzione preferita dal giocatore. Di ciò non è fortemente convinto il presidente De Laurentiis che andrebbe in una sola mossa a perdere una pedina importante rafforzando una diretta antagonista sempre più proiettata verso la vittoria dello scudetto in questa stagione. Inoltre, ai piani alti all’ombra del Vesuvio non è assolutamente piaciuto all’atteggiamento del calciatore che si è accordato già con i nerazzurri a metà campionato non potendo poi lasciare il club a metà stagione.

Ma le grandi preoccupazioni dei tifosi riguardano altri due gioielli del Napoli: il primo è Victor Osimhen anche lui reduce da una stagione molto travagliata in azzurro. Non solo le problematiche legate alla guida tecnica di Rudi Garcia con l’eliminazione di tutte le foto in azzurro dai suoi profili social ma anche la voglia di nuove sfide con un futuro già deciso così come ha dichiarato più volte dal ritiro della nazionale nigeriana. Il rinnovo di contratto a cifre molto elevate che è arrivato negli scorsi mesi sembra essere soltanto una manovra per poter terminare al meglio la stagione e far superare da un’offerta arrivata il famoso tetto dei 130 milioni di euro da sborsare per accaparrarselo.

Al contempo anche Kvaratskhelia sta ancora trattando il rinnovo in azzurro ed è nel mirino dei maggiori top club d’Europa che gli offrono non solo un ingaggio molto più elevato di quello che gli assicura il Napoli ma anche una sterzata della carriera importante. Ma se nel caso di Osimhen il calciatore sarebbe già pronto per vivere un’avventura importante, per Kvara sono solo i primi anni in Italia e in un club importante acquisendo anche quella Giorgia sempre più esperienza internazionale. Possibile infatti, al netto che si trovi l’accordo per il rinnovo in azzurro, che resti al Napoli per almeno un altro anno per poi spiccare il volo. Ma quale sarà la reale strategia del Napoli per non perdere in un’unica sessione di mercato tutti i suoi gioielli? Sicuramente saranno fatte precise valutazioni ma non è da escludere una totale rivoluzione così come avvenuta nell’estate 2022 particolarmente contestata ma che poi ha portato la storica vittoria dello scudetto.

Previous post Il Napoli chiama a raccolta i tifosi: l’effetto Stadio Maradona per trascinare gli azzurri verso la Champions
Next post Napoli-Atalanta si avvicina con due defezioni top per gli orobici e il solito interrogativo: Osimhen come sta?

Articoli correlati

Lascia un commento